Claudia Mares (Simona Cavallari), vice questore della mobile di Roma con un passato da scorta in Sicilia, è richiamata a Palermo da un suo vecchio amico e collega, per indagare sulla scomparsa di un ingegnere. Così la Mares si ritroverà, suo malgrado, a capo della Duomo, la squadra che arrestò Provenzano. Dovrà contrastare una nuova guerra tra le famiglie di mafia che, a loro volta, nel dopo Provenzano lottano per la conquista dei territori e la spartizione dei proventi illeciti.